spacer.png, 0 kB

Parco André Citroën Stampa E-mail
Scritto da Francesca Vecchia   
giovedì 16 aprile 2009
Autore scheda
TipologiaParco
UbicazioneCittà
Anno di Realizzazione1992
ProgettistaJean Paul Viguier, Alain Provost, Patrick Berger, Gilles Clement
CommittenteComune di Parigi
Forma di incaricoConcorso internazionale
Tempi di realizzazione6 anni, dal 1986 al 1992
ProprietàComune di Parigi
Superficie13 ha
Rapporto tra superficie permeabile e superficie non permeabile60 %
AccessibilitàBuono
Stato delle opereBuono
Stato del patrimonio vegetaleBuono
Presenza dell'acquaFontane e canali artificiali
Servizi per gli utenti
Servizi tecnologici impiantistici2 Grandi Serre
Attrezzature sportive
Presenza di vincoliE' tagliato a metà da una strada che prima era considerata importante, adesso questo vincolo è diventato un punto di forza del parco che collega due estremità opposte.
Attenzioni ai disabilisi
Nell'area precedentemente occupata dagli stabilimenti dell'azienda automobilistica Citroën, nel cuore di un nuovo quartiere della città di Parigi, il comune di Parigi diede inizio nel 1986 alla realizzazione di uno dei più vasti parchi pubblici cittadini. L'azienda automobilistica Citroën, che costruì le sue prime officine in quell'area nel 1915, trasferì ogni attività fuori la città di Parigi nel 1972. L'intera area, dell'estensione di circa 23 ettari, venne acquistata dal comune di Parigi che diede inizio allo sviluppo di un piano ZAC (Zone d'Aménagement Concentré), il quale prevedeva oltre ad un vasto parco centrale, anche un'area residenziale con tremila abitazioni, un ospedale e alcuni edifici per uffici e attività commerciali. Per alcuni anni la destinazione dell'area rimase indefinita; solo nel 1984 venne indetto un concorso internazionale per la progettazione di un grande parco pubblico. Gli impianti, le officine e le strutture - fisiche testimonianze di sessant'anni di attività produttiva industriale - furono smantellate ed il nuovo progetto s'impiantò sul terreno completamente sgombro. Ultimato nel 1992, con i suoi tredici ettari, il Parco André Citroën si contrapone a quella tendenza della progettazione del verde di tipo architettonico - tecnologico che aveva caratterizzato il suo più importante predecessore, il Parco della Villette, in quanto, malgrado la regolarità del suo impianto e la disposizione ortogonale alla Senna (unita alle semplici geometrie dei ninfei e dei giardini seriali, e dai perfetti parallelepipedi in vetro delle serre), l'uso innovativo e ricco della vegetazione e dell'acqua, gli conferiscono un carattere paesaggistico - naturalistico. Non a caso l'impostazione del concorso imponeva, che i teams di progettisti concorrenti fossero composti oltre che da architetti, anche da paesaggisti, scelta con cui il Comune di Parigi cercò di opporsi a quella tendenza - che aveva così fortemente segnato il progetto del Parco della Villette - ad impostare il disegno di uno spazio a verde, su elementi prevalentemente architettonici piuttosto che paesaggistici e naturalistici. Furono due le équipes di professionisti associati selezionate al concorso internazionale dall'Atelier parigino di urbanistica: la prima costituita dall'architetto Jean Paul Viguier e dal paesaggista Alain Provost, la seconda dall'architetto Patrick Berger e dal paesaggista e agronomo Gilles Clément. Nella formulazione finale, il parco si organizza attorno ad un vasto spazio centrale, un rettangolo coltivato a semplice prato, di 320 per 130 metri, posizionato in modo perpendicolare alla Senna cui è adiacente lungo uno dei suoi lati minori. Dal grande prato centrale è inoltre possibile raggiungere la riva della Senna senza incontrare ostacoli, grazie alla realizzazione di un tunnel per il passaggio della linea RER, che segue il profilo dell'argine, disposizione spaziale unica in Parigi. All'estremità opposta del grande prato, un sagrato inclinato funge da basamento per due grandi serre alte quindici metri e lunghe quarantacinque metri, una delle quali ospita un giardino mediterraneo, mentre l'altra un agrumeto. Tra di esse si trova un area piana puntinata regolarmente di fontane e giochi d'acqua, che costituisce la scenografia di fondo della prospettiva verso la "rue Balard", collocata all'estremo opposto dell'area del parco rispetto al corso del fiume. La struttura del parco è definita da alcuni assi privilegiati legati tra loro da relazioni gerarchiche: - il Grande Canale che delimita il lato sud ovest del parco, scandito in modo regolare da una serie di ninfei di forma di semplice parallelepipedo; - la diagonale pedonale che da nord (accanto alla Senna), raggiunge a sud il "Jardin Noir" e che attraversa completamente la grande prairie centrale; - l'assembramento regolare dei "Giardini Seriali" alla sinistra del parterre centrale in opposizione al Grande Canale, formati da sei piccole serre e sei canalette che racchiudono altrettanti giardini tematici costituiti da aree rettangolari, numerate e racchiuse da rampe, legate simbolicamente l'una all'altra da rapporti analogici espressi attraverso i colori, i materiali, i sensi, i metalli ed i pianeti. La compatta struttura del parco, si sfrangia verso sud est, in direzione opposta alla Senna, dove, due forme quadrangolari separate ed opposte, s'infiltrano nel tessuto urbano. Si tratta del "Jardin Noir", una sorta di labirinto chiuso e infossato, molto ombroso e fittamente piantato con alberi ed arbusti dal fogliame di colore verde scuro e del "Jardin Blanc", aperto sul vicino quartiere, nel cui centro si trova una grande aiuola composta da svariati cespugli dalla fioritura bianca. Il disegno del primo fu affidato all'équipe Viguier - Provost, che si occupò inoltre della progettazione dettagliata del parterre centrale e relativa cornice d'acqua, dei ninfei della vasca principale e del Giardino della Metamorfosi. Il disegno del "Jardin Blanc" fu invece affidato all'équipe Clément - Berger, che ha inoltre ideato il progetto delle due grandi serre, dei giardini seriali e del "Jardin en Mouvement" oltre che dell'arredo e dell'illuminazione.
Bibliografia
www.architetturaviaggi.it www.tridavisor.it en.wikipedia.org www.ocs.polito.it/biblioteca/giardini/citroen www.architectour.net
Pianta del Parco André Citroën
Una delle due grandi serre alte quindici metri e lunghe quarantacinque metri, all'estremità opposta del prato, poste su un basamento inclinato funge. Una delle due serre ospita un giardino mediterraneo, l'altra un agrumeto. Tra di esse si trova un area piana puntinata regolarmente di fontane e giochi d'acqua, che costituisce la scenografia di fondo della prospettiva verso la
I percorsi sopraelevati in corrispondenza delle sei piccole serre e sei canalette che racchiudono altrettanti giardini tematici costituiti da aree rettangolari.
Vista di una delle sei piccole serre e sei canalette he racchiudono altrettanti giardini tematici costituiti da aree rettangolari.
Uno dei
I ninfei a forma di semplice parallelepipedo scandiscono il Grande Canale che delimita il lato sud ovest del parco.
Giochi d'acqua delle fontone.
Vista dall'alto
Ultimo aggiornamento ( giovedì 06 marzo 2014 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

© 2020 Urbanistica, Paesaggio e Territorio
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB