spacer.png, 0 kB

Quartiere Borneo-Sporenburg - Amsterdam Stampa E-mail
Scritto da Ilaria Tavoni   
martedì 26 maggio 2009
Autore scheda
ProgettistaAdriaan Geuze, Wim Kloosterboer, Yushi Uehara/West 8
Anno di Progettazione1993-1996
Anno di Realizzazione1996-2000
PaeseNETHERLANDS
Committenza/Soggetti promotoriNew Deal
Strumenti urbanisticoMasterplan
Dati quantitativi
Popolazione insediata5000 abitanti abitanti
Superficie territoriale (St)250000 mq mq
Superficie o volume utile edificati (Su)595000 mq mq o mc
Superficie fondiaria (Sf)155000 mq mq
Superficie coperta residenziale (Scr)144000 mq mq
Superficie delle strade46000 mq mq
Superficie dei parcheggi pubblici15100 mq mq
Superficie dei servizi pubblici3800 mq mq
Superficie del verde pubblico attrezzato15500 mq mq
Numero alloggi2500 (reali o presunti)
Superficie delle attivita commerciali8800 mq mq
Superficie delle attivita direzionali mq
Superficie delle attivita ricettive mq
Superficie delle attivita artigianali e industriali mq
Densità abitativa
Descrizione sintetica generale
Il quartiere sorge su due moli che si trovano nella parte orientale del porto di Amsterdam. La riconversione di questi moli “urbani” è stata possibile negli ultimi anni grazie al massiccio spostamento del traffico delle merci verso il porto di Rotterdam. Il programma di intervento prevedeva l’insediamento di 2500 abitazioni divise in quote percentuali tra edilizia popolare, edilizia sovvenzionata e libero mercato. Sono stati invitati a sviluppare progetti ben 140 progettisti diversi. Il progetto Borneo-Sporenburg è, in molti modi, un indicatore della forte carenza di alloggi nel Paese e della conseguente urgenza urbana di sviluppare sistematicamente nuovi quartieri residenziali. Borneo e Sporenburg sono solo una parte della grande espansione di Amsterdam prevista lungo l’IJ. Le originali ambizioni urbanistiche del Comune di Amsterdam si concentravano su un progetto residenziale a densità abitativa di tipo urbano pari a 100 abitazioni/ettaro. A causa delle condizioni precarie del mercato a metà degli anni ‘90, il Comune è stato obbligato ad approvare la costruzione di edifici poco elevati, se rapportati alla tendenza di quegli anni nell’ambito dell’urbanistica. I promotori edili temevano di avere un’eccedenza di appartamenti sul mercato, data la scarsa domanda, e quindi hanno negoziato con il Comune la possibilità di costruire una tipologia di abitazione suburbana unifamiliare caratterizzata dall’ingresso singolo sulla strada per ciascuna casa. Il paradosso, costituito da case di tipo suburbano in un contesto al contrario urbano richiedeva inevitabilmente la creazione di una nuova tipologia di abitazioni per Borneo Sporenburg, la quale può essere presa come esempio dell’attuale panorama dell’architettura olandese.
Bibliografia
K. Borret, “Amsterdam, Borneo e Sporenburg”, in Abitare, n. 402, pp. 48- “Lo spazio privato / Public Space”, in “Lotus”, n. 109, pp.64-68 A. Aymonino, “Borneo Sporenburg, Amsterdam”, in “Lotus”, n. 94, pp. 80-84 e 107-109, T. Maes, “Masterplan, l’organizzazione del territorio”, in “Abitare”, n. 417, pp. 180-189, 2002 J. Evert Abrahamse, M. Buurman, B. Hulsman, H. Ibelings, A. Jolles, S. Lebesque, E. Melet, T. Schaap, J. de Waal, Eastern Harbour District Amsterdam, NAi Publishers, Rotterdam, 2006. http://www.architectour.com http://www.archinfo.it
Qualita' progettuale - componenti del progetto urbanistico
Urbanistica
Le abitazioni sono collocate su strisce e hanno dimensioni definite. Tutte le abitazioni sono state ruotate per adattarsi alla forma delle penisole e per assecondare l’orientamento degli edifici prevalenti. Tre grandi edifici residenziali sono collocati fra le basse abitazioni. Geuze li ha chiamati “meteoriti”, come se fossero precipitati dallo spazio anche se in realtà sono stati attentamente posizionati su assi visivi che inquadrano punti focali dell’intorno (figura 2).
Il piano così compatto di West 8 lascia poco spazio a zone verdi.Tuttavia l’acqua, che circonda le penisole, è vista come elemento compensativo, difatti i progettisti trattano il “blu” come il “verde”. Un’eccezione è la striscia verde nel quartiere Borneo, la cui localizzazione strategica consente la visione, da entrambi i lati, dell’acqua e delle altre isole.
Edilizia
La maggior parte delle residenze ha dimensioni definite (larghezza=4m, profondità=35m e 3 livelli in altezza di cui il piano terra di 3,5m). Tutte hanno un accesso diretto dalla strada e presentano patii o tetti giardino, a testimoniare la grande importanza che hanno attribuito i progettisti allo spazio privato, a discapito di quello pubblico, ridotto al minimo.
Le abitazioni, difatti, occupano per intero il lotto trasportando il verde dentro le case. In una parte dell’ex porto interno alla penisola di Sporenburg (figura 5) è stato portato avanti un esperimento unico: 60 parcelle sono state assegnate a compratori, associati a progettisti, che erano autorizzati a costruirsi la casa dei propri sogni, seguendo comunque precisi standard comuni anche alle altre residenze. Le parcelle sono profonde 16m, hanno una larghezza che varia tra 4,2 e 6m ed un’altezza massima di 9,2m, mantenendo il piano terra alto 3,5m. Anche queste residenze presentano un accesso su strada ma, dalla parte opposta, sono allineate direttamente sull’acqua del porto interno.
Infrastrutture
Nel 1997 è stato costruito il Piet Hein Tunnel, un tunnel lungo 1,5km che si colloca sul fondo del bacino di Spoorweg e l’Amsterdam-Rijnkanaal, consentendo una rapida connessione tra il distretto del porto orientale e l’autostrada. Il tunnel presenta due corsie per le auto e una per gli autobus, costruita nel 2005.
Per quanto riguarda la mobilità dolce, West 8 ha progettato due ponti (figura 6) che coprono i 90m del bacino di Spoorweg tra le due penisole. Il ponte occidentale è usato da pedoni e ciclisti mentre quello ad est, con le sue curve, solo dai pedoni. Un terzo ponte, più sobrio, collega l’entrata del porto al quartiere Borneo.
fig.1 - Vista aerea ravvicinata
fig.2 - Blocchi scultorei in rapporto al paesaggio
fig.3 - Vista del plastico
fig.4 - Veduta del quartiere nel 1980
fig.5 - Veduta delle abitazioni su Scheepstimmermanstraat
fig.6 - Vista dei ponti di collegamento tra le due penisole
Ultimo aggiornamento ( giovedì 06 marzo 2014 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

© 2018 Urbanistica, Paesaggio e Territorio
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB