spacer.png, 0 kB

Riqualificazione e sicurezza urbana. Proposta di riconnessione e miglioramento della sicurezza tra i Stampa E-mail
Scritto da Damianos Damianakos   
giovedì 15 dicembre 2016
AutoreMarco Marvisi
RelatoreProf. Michele Zazzi
CorrelatoreProf. Isabella Tagliavini
UniversitàUniversità degli studi di Parma
Data di discussione2016-12-12
Anno Accademico2015/2016
LuogoParma
Links

INTRODUZIONE [Estratto]


Può un progetto di riqualificazione urbana sollevare le sorti di un quartiere considerato degradato? Se si, in che modo? Quali sono gli aspetti di cui tener conto?


Il quartiere San Leonardo è stato negli ultimi dieci anni vittima di un'importante trasformazione morfologica e identitaria. I progetti di riqualificazione urbana "PRU Stazione" e "PRU Pasubio" nascono con lo stesso obiettivo globale di riqualificare zone realmente centrali per la loro posizione cartografica rispetto al centro storico di Parma ma in una condizione di disorganizzazione urbana e di qualità suburbana. ln particolare, il programma di riqualificazione urbana “PRU Stazione FS - Ex Boschi” si proponeva di eliminare quella barriera fisica costituita dal tracciato del sistema ferroviario che si era trasformato negli anni in una barriera di separazione fra i settori della città situati a Nord e a Sud della stessa mentre il programma di riqualificazione urbana "PRU Comparto di via Pasubio" nasce con una forte finalità sociale. Infatti, a causa dell'abbandono di molte attività economiche situate in prossimità o all'interno del comparto stesso, le zone limitrofe erano diventate una zona riconoscibile solo per fenomeni di degrado urbano e di problemi legati alla sicurezza urbana e alla malavita. Il "PRU Comparto di via Pasubio" aveva, quindi, l'obiettivo di riqualificare un'area emarginata trasformandola in una nuova polarità dotata di qualità civica collegandola funzionalmente alla nuova stazione. Per il raggiungimento degli scopi, data la complessità dell'intervento, sono state istituite due particolari tipi di società pubbliche, STU Area Stazione Spa e STU Pasubio Spa, Società di Trasformazione Urbana con lo scopo di dare attuazione al piano regolatore e di gestire le aree interessate al progetto di riqualificazione. Introdotte dalla Legge n. 172 del 1997 (la cosiddetta "Legge Bassanini-bis"), le Società di Trasformazione Pubblica si presentano come società a capitale pubblico o misto pubblico-privato, costituite su iniziativa di Comuni o Città metropolitane ed aperte alla partecipazione di Regioni e Province, finalizzate a realizzare interventi di trasformazione urbana.


La tesi analizza queste particolari tipologie di società fornendo un primo quadro nazionale dei Programmi di Riqualificazione Urbana e studia, in particolare, il loro operato nella realtà di Parma, mettendo a confronto i progetti che, nonostante la loro vicinanza fisica, risultano due identità totalmente indipendenti. Alle problematiche legate alle trasformazioni fisiche, nel quartiere San Leonardo si aggiungono quelle legate alla sicurezza urbana, alimentate da un clima di incertezza urbanistico in cui hanno trovato solidi radici fenomeni legati alla microcriminalità. Il legame tra urbanistica e sicurezza è un tema che si è affermato da alcuni decenni nell'America del Nord e poi in Europa ma le implicazioni sono ancora poco conosciute e poco praticate, dal punto di vista delle concrete attuazioni, nel nostro Paese. Un ulteriore obiettivo della tesi è quello di individuare e analizzare i fattori che concorrono a determinare l'insicurezza urbana, tra i quali rientrano anche il modo in cui le città sono pianificate, progettate e costruite, il modo in cui le persone si identificano nell'ambiente in cui vivono e il modo in cui gli spazi urbani sono curati e gestiti. A quest'ultimo obiettivo si collega quello di ricavare una struttura metodologica che faccia da supporto all'indagine orientata sulla ricerca dei problemi e delle strategie da utilizzare per la sicurezza urbana nel quartiere San Leonardo. Da qualche anno infatti, ì residenti di questa zona di città si sono più volte espressi verso il Comune e le forze dell'ordine in tono esasperato circa le condizioni sociali del quartiere. Spaccio, malavita, mancanza di decoro urbano e mancanza di sicurezza hanno infatti portato a una condizione del quartiere che si può definire degradata. Una conseguente manifestazione di questo disagio è sicuramente manifestata dalla popolazione residente che sempre più spesso organizza attività di protesta, eventi ed incontri per cercare di arginare il fenomeno della microcriminalità e per recuperare il controllo dei propri luoghi.


Viene quindi proposto un piano di riconnessione e miglioramento della sicurezza urbana tra i due comparti "PRU Stazione" e "PRU Pasubio". La soluzione progettuale si suddivide in tre scenari,direttamente collegati tra loro, classificabili in: 1. Strumenti per favorire il movimento dei pedoni e dei ciclisti; 2. Creare spazi urbani verdi; 3. Modificare il sistema degli spazi aperti. Principale obiettivo della soluzione progettuale è quello di permettere ai residenti locali di "re-impossessarsi" dei propri spazi urbani andando a lavorare principalmente sul sistema di connessioni, sulla qualità dell'arredo urbano e sul sistema dell'illuminazione stradale, secondo le logiche di pianificazione urbana e di gestione degli spazi atte al miglioramento della sicurezza urbana, in modo da favorire quel sentimento di identità locale fondamentale per un'adeguata vitalità di un quartiere.










 
Tipologia tesiProgetto urbanistica
Download{fileUploaded}
Download
Foto
Copertina Tesi
Ultimo aggiornamento ( giovedì 15 dicembre 2016 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

© 2020 Urbanistica, Paesaggio e Territorio
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB