spacer.png, 0 kB

Bo01 Stampa E-mail
Scritto da giovanni   
sabato 19 luglio 2008
Autore schedaGiovanni
ProgettistaL’amministrazione diMalmö, Malmö City Planning
Anno di Progettazione1998 - 2001
Anno di Realizzazione2001
PaeseSWEDEN
Committenza/Soggetti promotorila Commissione europea
Strumenti urbanisticoComprehensive Plan
Dati quantitativi
Popolazione insediata2000 abitanti abitanti
Superficie territoriale (St) mq
Superficie o volume utile edificati (Su)35.000 mq mq o mc
Superficie fondiaria (Sf)120.000 mq mq
Superficie coperta residenziale (Scr)116.666 mq mq
Superficie delle strade mq
Superficie dei parcheggi pubblici mq
Superficie dei servizi pubblici mq
Superficie del verde pubblico attrezzato mq
Numero alloggi (reali o presunti)
Superficie delle attivita commerciali58.333mq mq
Superficie delle attivita direzionali mq
Superficie delle attivita ricettive mq
Superficie delle attivita artigianali e industriali mq
Densità abitativa
Descrizione sintetica generale

Il quartiere Bo01 (dallo svedese bonollet, abitare, realizzato nel 2001) si trova nella Svezia meridionale distretto di Västra Hamnen, località portuale della città di Malmö nota anche con la denominazione di West Harbour. In posizione strategica sull’estremità occidentale del porto, l’area è a stretto contatto con la spiaggia, i grandi parchi pubblici ed il centro urbano, e si affaccia su Copehaghen, di fronte al ponte di Öresund.
Nel distretto di Västra Hamnen, in particolare, nel 1980 i cantieri navali Kockum sono stati smantellati e sostituiti da una fabbrica di automobili, successivamente dismessa e rilevata dalla Malmömassän, società di gestione di eventi espositivi. Di fronte alla situazione di crisi in cui versava la città Malmö, l’Amministrazione locale ha avviato una serie di interventi finalizzati a ridefinire il ruolo della città nel contesto nazionale ed europeo. Si è deciso così di trasformare il settore occidentale del porto da zona industriale degradata in un quartiere attraente con funzioni miste, residenziali, direzionali, cultuali e legate al tempo libero.
Il processo di trasformazione degli ex cantieri navali è connesso essenzialmente alla decisione di realizzare in tale area la prima esposizione svedese sull’abitazione europea. Alla fine degli anni Novanta, è iniziato il processo di pianificazione, caratterizzato subito dalla stretta collaborazione tra l’Amministrazione locale, i finanziatori e la Bo01AB, l’agenzia costituita ad hoc per organizzare e gestire l’evento.
Nel 2001 è stata aperta la prima Esposizione Internazionale sull’abitazione, denominata Bo01-City of Tomorrow. In tale occasione, le manifestazioni sono state organizzate e sviluppate dal National Board of Housing, dall’Associazione Svedese delle Autorità locali e dal National Housing Credit Guarantee Board, ed è stato realizzato un quartiere residenziale, costruito sperimentando tecnologie costruttive ecosostenibili, che al termine dell’evento è stato integrato come parte, formalmente compiuta e coerente, nel tessuto urbano circostante.
Il progetto di riconversione è stato finalizzato alla realizzazione di un quartiere residenziale che fosse attraente dal punto di vista urbano ed architettonico, ma che al tempo stesso fosse in grado di diventare il simbolo di una nuova sensibilità ambientale e di un’attenta gestione delle risorse naturali e territoriali. Nello specifico, l’obiettivo del progetto è stato garantire all’interno del nuovo insediamento la coesistenza di una
pluralità di attività urbane, ed assicurare a tutti i residenti, anche se in maniera diversa, la possibilità di beneficiare delle opportunità offerte da un ambiente costruito secondo i criteri di sostenibilità ambientale.

Bibliografia
www.casacoop.it
www.google maps.com
www.malmo.se /
www.urbandesigncompendium.co.uk/
www.energie-cites.eu
www.scandinaviandesign.com
Qualita' progettuale - componenti del progetto urbanistico
Urbanistica

Realizzato ex novo, il quartiere residenziale è stato articolato in tre diversi settori: un distretto urbano permanente, perfettamente adattato al contesto; un villaggio, a carattere sperimentale, costituito dai prototipi più interessanti presentati dai diversi Paesi durante l’esposizione; un campus a verde attrezzato, sorto al posto degli spazi originariamente destinati ad accogliere le esposizioni temporanee. Il distretto urbano, comprendente cinquecento alloggi, attività commerciali ed uffici, è stato realizzato grazie alla stretta collaborazione tra i progettisti e le imprese di costruzioni, provenienti da diverse nazionalità.
Il Villaggio europeo, localizzato vicino al distretto urbano, è invece composto da quindici edifici-prototipo, realizzati in occasione dell’esposizione. L’area che durante l’esposizione è stata destinata ad ospitare le esposizione temporanee, è attualmente utilizzata come grande spazio a verde attrezzato, in continuità con le dotazioni per il tempo libero offerte dalla città di Malmö, e per accogliere gli eventi per la divulgazione delle problematiche sulla sostenibilità ambientale e sulla costruzione di ambienti naturali autosostenibili.
Per quanto riguarda la progettazione ecologica l’obiettivo è quello di far crescere la vegetazione locale e di rinforzare lo sviluppo della fauna acquatica,. Sono presenti molte aree verdi e tre parchi: il Kanalpark che varierà continuamente ospitando diverse piante e animali acquatici, con diversi biotopi; il Beach Park, lo Skania Park.
Il quartiere Bo01, sperimenta un nuovo modo di progettare che parte dalla scelta di materiali sostenibili, alla progettazione di un edificio energeticamente autosufficiente, fino al riciclo o riuso dei materiali o di parti di edificio alla fine del suo ciclo di vita.
Alla base di questo “ciclo” progettuale c’è un programma di qualità ambientale e degli edifici, che i promotori dei diversi progetti devono seguire, questo programma descrive le caratteristiche generali degli edifici e delle abitazioni, la qualità degli spazi aperti e il livello di qualità dei materiali e delle tecnologie utilizzate. Il “programma di qualità diventa così uno strumento operativo per la progettazione, per i contratti di concessione della terra, per la realizzazione degli interventi, per le tecnologie, i materiali e la manutenzione.

Edilizia

Il quartiere comprende più di 1000 case d’abitazione, uffici, negozi, bar, ristoranti, asili, scuole e biblioteche. In particolare su 120.000 mq verranno costruite 800 abitazioni. E’ presente una media densità abitativa ad eccetto della torre residenziale, il Turning Torso, di 45 piani, alta 140 m, costruita nel 2002 su progetto di Santiago Calatrava. L’altezza degli edifici varia da uno a sei piani e l’area ha uno sviluppo di 175.000 mq, cui due terzi sono residenziali e un terzo commerciali. La tipologia delle case varia: da case isolate, a case a schiera e alcuni blocchi di appartamenti. Le case lungo la banchina sano alte cinque piani per riparare tutto il quartiere dal forte vento proveniente da ovest, dietro gli edifici sono più bassi.
Del complesso originario è stata conservata soltanto la vecchia officina, riconvertita in un ufficio informazioni; mentre, tutti gli altri manufatti sono stati demoliti.
Il quartiere, utilizza al 100% energia da fonti rinnovabili: vento, sole e acqua. attraverso l’utilizzo di utilizzo di pannelli solari per il condizionamento dell’aria e il riscaldamento dell’acqua di ’energia eolica proveniente dalla vicina macchina eolica, dell’energia prodotta da celle fotovoltaiche, per la produzione di elettricità
del calore prodotto dal mare e del recupero di gas da biomassa.

Infrastrutture

Il sistema della viabilità all’interno del distretto urbano è stato realizzato in modo tale da rendere l’area completamente pedonale, da consentire la circolazione delle automobili soltanto lungo il perimetro esterno e da incentivare l’uso del trasporto pubblico. Gli abitanti del quartiere hanno la possibilità di prenotare via Internet un’automobile elettrica o a gas, che fa parte di un gruppo di veicoli forniti da Sydcraft. Tutte le automobili sono parcheggiate in un garage ad hoc che le ricarica .

Ultimo aggiornamento ( giovedì 15 dicembre 2011 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

© 2019 Urbanistica, Paesaggio e Territorio
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB